Pubblicato il

Un viaggio in compagnia

schubert_pdmFranz Schubert Winterreise D.911

Thomas E. Bauer (baritono) Jos Van Immersel (pianoforte)

ZZT 101102 – 1 CD
Reg. 11-2010CD – stereo DDD

durata 1.10’49” ●●●●●

Me ne andrò come uno sconosciuto arrivato per caso tra promesse d’amore e sogni dolci consumati all’ombra di un tiglio. Pazzo fino al tramonto dell’ultimo sole, cantando l’ignoto. Winterreise fu intrapreso da Schubert nel 1827, un anno prima della sua morte. Un diario colmo di romanticismo e di fredde impressioni che si mescola al fervore di immagini graffiate col carbone. Tra neve e buio, in contrasto, per un lento peregrinare fitto di ricordi ed emozioni, un presagio d’infinito esordisce con una misteriosa buonanotte. E’ l’augurio benedicente per un viaggio incorniciato nell’inverno di una gelata solitudine, accompagnato da un pianismo composto e contemplativo verso l’infinito.

Le lirche di Wilhem Müller si sposano col sentire del compositore, rassegnato e vagabondo. Elette a proprio testamento spirituale, esse rivelano un divenire attraverso la Natura fredda e tentatrice. Schubert si scopre anziano suonatore d’organetto, epico omero che s’allontana mesto dal suo odisseo scegliendo la musica di un malinconico refrain. La lettura di Thomas E. Bauer, baritono dalle qualità timbriche ricercate ed eleganti, col conforto del pianista Jos Van Immersel, è intima e toccante. Il duo s’innamora dei non più giovani dolori della solitudine, quasi dimentica la materia e si tuffa soffice in una neve pura e gelida.
Perché? Sembrerebbe interrogarsi una timida incoscienza romantica rivolta alla percezione dell’ignoto e alla consapevolezza della fragilità umana piegata inesorabilmente dagli eventi naturali, il viandante è un predestinato. Reminiscenze tematiche evidenti affiornano in ventiquattro scene dipinte e particolareggiate nei tratti e nei sogni di primavere mai sbocciate. Buongusto ed equilibrio caratterizzano le immagini proposte dagli interpreti, indovinati compagni di viaggio.

Paolo De MatthaeisSuonare News (2012)

Pubblicato il

Su, coraggio! Non sono cattiva. Dolcemente dormirai fra le mie braccia!

30_bigSchubert: Quartetto per archi Der Tod und das Maedchen Op. 14
Schumann: Quintetto per pianoforte e archi in mi bemolle maggiore, op.44 (1994)

Quartetto Borodin
Mikhail Kopelman Andrei Abramenkov violini Valentin Berlinsky violoncello
Sviatoslav Richter pianoforte
Disco TELDEC – 0630-18253-2
Warner Classics 2008

Durata: 73’84

●●●●●

Un quadro raffinato è Der Tod und das Maedchen Op. 14 (La morte e la fanciulla) di Schubert, amoroso corteggiamento tra la giovinezza e la Natura in un’alternanza di inseguimenti e civetterie. Il quartetto Borodin interpreta l’opera con abilità ed equilibrio, in armonia con la passione e la “resignazione” fatta di un materiale tematico delicato ed elegante. Affettuose effusioni si cercano in un gioco seduttivo e appassionante che lascia senza fiato passando dalla spensieratezza alla consapevolezza del riposo. Il seguito lo scrive Schumann nel quintetto in Mi bemolle maggiore op. 44. Richter al pianoforte riesce ad ordinare un infinito sognato celebrando la passione sbocciata tra gli eroi amanti, che solo il destino parrebbe ridurre finalmente insieme. “In modo di una marcia” si arriva ad un crepuscolo divino avvolti da una quiete surreale, incatenati

da un corpo ed una forma che consacra gli interpreti mentori sublimi di un’arte profonda, capace di sprigionare scintille e fiamme in un solo concerto per piano ed archi. Passione e tempesta vibrano con le corde del quartetto Borodin, in un’appassionante racconto fatto d’intese ed intensi frammenti melodici strappati alle farfalle e alle visioni romantiche senza il limite dell’immaginazione.

Richter alimenta il sogno con il suo pianismo eroico, poeta sublime nel tentativo di vincere il Tempo e la Natura delle cose, persino la Morte. Coraggioso, ardito, cosmico ma mortale, perciocché la Natura sembra riprendersi il di lei figlio bisbigliandogli dolci parole per farlo addormentare in un tenero abbraccio mortale.

Paolo De MatthaeisSuonare News (2008)