Pubblicato il

English lessons for sale

handel_cdHändel: Messiah, Samson, arie dal Rinaldo e alter opere

Messiah, Samson, Arias from Rinaldo and other operas
English Chamber Orchestra and ChoirRaymond Leppard, direttore
Jennifer Larmore e L’Orchestre de Chambre de Lausanne e Münchener Rundfunkorchester diretti da Jesús Lopez-Cóbos (disco 6)
Marilyn Horne e I Solisti Veniti di Claudio Scimone (disco 6)
Cofanetto Handel Edition 6CD
WNJ 2564 69568-6 remastered 2008
Durata: 7h49’
Messiah 2 cd reg. 1974
Samson 3 cd reg. 1978
Horne e Larmore 1 cd 1982 (Erato) e 1998 (Teldec) ●●●

Cristo nasce, muore e vive in mezzo agli uomini tra le pive dei pastori, in un clima di festa, in un’Arcadia immaginaria tra la gente umile e disordinata, tra le angosce e le speranze. Leppard rilegge un Haendel rigorosamente aristocratico in un’iconografia classica, tributo rispettoso per colui che ha ritradotto la fede attraverso l’evento biblico. Il Messiah e Samson fanno parte di una piccola antologia estratta dalla Haendel Edition, con la quale s’è voluto creare una selezione delle esecuzioni più esemplari a scopo promozionale e divulgativo. In questo assemblaggio alcune scelte si rivelano, tuttavia, poco opportune, come l’accostamento in uno stesso disco tra Marilyn Horne e Jennifer Larmore, interpreti delle medesime arie. Ma impeccabile è la qualità degli interpreti e della English Chamber Orchestra con coro al seguito, attenti e fedeli all’intonazione e all’equilibrio, coscienti di avere assimilato una lezione che ne decreta la longevità artistica. Una realizzazione, quella del Messiah che del Samson, didattica e curata nei particolari; spesso pedante, intrisa di un accademia di stampo collegiale consumata ormai più di vent’anni fa quando il Barocco era pressoché un incognita. L’attenzione è mantenuta viva da Marilyn Horne, che con i Solisti Veneti in grande spolvero si mette prepotentemente in cattedra; l’ultimo disco è, infatti, riservato alle Arie d’opera: inossidabili, uniche, dense di un coinvolgimento che, misto a poesia, riaccende l’amore per Haendel e per i suoi lavori, rievocandone il genio farneticante che lo rende sempre attuale. Questo brillante vale tutto il cofanetto, un documento storico che merita spazio tra le interpretazioni d’oggi; strillate ad un circo restaurato, già passato di moda trecento anni fa, per nulla fedele e per niente originale.

Paolo De MatthaeisSuonare News (2008)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *